Seguici sulla nostra Pagina Facebook

GRUPPO TRANS

Info: gruppotrans@gmail.com

Associazione Gruppo Trans

"un altro Genere di attivismo"

  • White YouTube Icon
  • White Facebook Icon
  • White Twitter Icon

Sabato 3 Giugno, mentre dal palco del REmilia Pride abbiamo rivendicato il diritto delle persone trans ad esistere in una società che di fatto non ne contempla ne' i corpi, ne' le identità, ecco che nello stesso momento, al Pride di Potenza forte si levava dal carro arcobaleno la voce della Presidente di ArciGay Basilicata, Nadia Girardi, per intimare caldamente la Presidente Laura Maria Santonicola di Rain Arcigay Caserta onlus a rivestirsi riallacciando il reggiseno, con tono preoccupato:
 

«Questa non è un'esibizione, vi prego caldamente, perchè ho visto adesso una mia amica che si è tolta il reggiseno. Questa non è un'esibizione vi prego, vi chiedo questa cortesia, di non spogliarvi e di rimanere compatti perchè siamo a Potenza.. »
 

Il nostro Gruppo Trans Bologna è una realtà giovane che si compone prevalentemente di quella che è la nuova generazione di ragazz* transessuali MtF,FtM e transgender in senso più lato.
Avrete certamente notato in tutto questo tempo come per noi siano cruciali temi come l'inclusività nel mondo del Lavoro (incontri con CGIL), dello Sport (incontri con UISP), il diritto alla Privacy nei percorsi di studio universitari (monitoraggio delle adesioni degli atenei al doppio libretto / carriera alias), il diritto alla Salute in termini di monitoraggio della qualità del servizio erogato alle persone trans, e soprattutto della necessità di una benedetta nuova Legge Trans in materia di rettifica anagrafica dei documenti e di una santa Legge contro l'omotransbifobia
Tutti temi sui quali ancora oggi si continua a soprassedere.

 

Siamo giovani, e come spesso le persone più giovani fanno, ci piace sognare, e immaginare il nostro futuro come qualcosa di non necessariamente legato al tema della marginalità sociale, della prostituzione o in generale di quello che ancora ad oggi è l'unico immaginario notturno e sessualizzato delle persone trans.


Siamo giovani, e vogliamo proseguire il nostro percorso di visibilità in modo coerente per come meglio ci rappresenta, ben consapevoli dei 50anni di lotte per la liberazione e autodeterminazione dei corpi da cui derivano le nostre esistenze oggi. 
A partire dai moti di Stonewall, i Pride nascono in quanto lotta contro l'oppressione e la discriminazione. Rappresenteranno l'occasione di massima espressione e la possibilità per milioni di persone, storie e narrazioni, di essere visibili a tutti, tutte, tutt* , incondizionatamente.
Questa Storia e Memoria si traduce nelle nostre vite, nelle nostre battaglie quotidiane, nel nostro diritto ad esistere come corpi trans ugualmente esibibili al pari di tutti gli altri.

Per questo motivo ci sentiamo di non dover restare indifferenti a quanto accaduto e ribadire con vigore la necessità di essere tutelat* ad esistere e autodeterminarci in questa società.

Vladimir Luxuria che parla di provocazione inutile, e alla Vicepresidente di Arcigay Basilicata Antonella Giosa che a posteriori aggiunge:

«Non siamo più negli anni settanta/ottanta» e che «Il modo di fare la lotta è cambiato.»
 

Rispondiamo.. che sappiamo bene di non essere più negli anni 70-80', ma che il modo di fare la lotta, per noi giovani d'oggi, resta sempre lo stesso.
Non avere paura di essere orgogliose, in una giornata come il Pride, di festa e di ribellione, di non adeguarci ai giudizi di sobrietà, compostezza e decoro di un modello eteronormato che opprime e discrimina le nostre espressioni, identità di genere e orientamenti sessuali. Ed anzi, di provocarlo volentieri se necessario, se di libertà personale si tratta. 

La stessa libertà che, ricordiamo, ci viene sottratta ogni qualvolta una persona trans è costretta al cospetto del libero arbitrio di un giudice in un tribunale per disporre del proprio corpo e della propria identità.



Per chiudere con una nota positiva ci sentiamo di ringraziare per il gesto intrapreso da alcune attiviste che si sono opposte a questa triste vicenda, tra cui in particolare Ottavia D'anseille Voza - responsabile dei diritti delle persone trans - consiglio Arcigay Nazionale.
 

Gruppo Trans* Bologna

#transPride #transRights #transVisibility
#MyVisibilityIsRevolution #votaTrans

“Seri bisogna esserlo, non dirlo,

e magari neanche sembrarlo!”  Pier Paolo Pasolini